Via Chiaravalle 11- 20122 Milano Tel: 349 7936358 mail info@arpamagica.it CF 97420890150
Associazione iscritta al Registro Provinciale dell'associazionismo, sezione APS
 
   
 
   
   




per info
livellibenenzon@gmail.com


Stefano Taglietti: 349 7551566
Roberta Avanzini: 347 5425341

 
FORMAZIONE TECNICO NON VERBALE BENENZON

“La Terapia Non Verbale Benenzon è una terapia che utilizza le espressioni corporo-sonoro-non verbali per sviluppare un vincolo relazionale fra il terapeuta e le persone che necessitano di aiuto per migliorare la loro qualità di vita”
(R.O. Benenzon)

La Terapia Non Verbale Benenzon è una terapia che utilizza le espressioni corporo-sonoro-non verbali per sviluppare un vincolo relazionale fra il terapeuta e le persone che necessitano di aiuto per migliorare la loro qualità di vita.

Base importante della formazione del tecnico in Terapia Non Verbale Benenzon è costituita dall’analisi del complesso non verbale e dalla formazione nell’utilizzo delle sue risorse, processo fondamentale per la formazione dei musicoterapeuti, ma anche per altri operatori del campo della salute, dell’educazione e della cultura come psichiatri, psicologi, psicopedagogisti, educatori, artisti, sociologi, psicomotricisti, terapeuti occupazionali, un percorso formativo che insegna ad utilizzare risorse tecniche non verbali con l’obbiettivo di convertirle in mediatori della comunicazione con l’altro essere umano, un processo che ha un impatto sul nucleo creatore della persona e lo stimola nella sua formazione.

La formazione è rivolta a musicoterapeuti, musicisti, medici, psicologi, educatori, arteterapeuti, studenti in formazione, operatori nella relazione d’aiuto così come a tutte le persone interessate ad approfondire, al ri-conoscersi e a chi desideri iniziare lo studio nella Terapia non Verbale Benenzon.

La formazione si sviluppa in forma teorico-pratica e in un contesto gruppale di Self-Experience (esperienza personale).

STRUTTURA DELLA FORMAZIONE

La formazione completa per conseguire il titolo di “Tecnico non verbale Benenzon” si struttura in sei livelli.

I livello

Permette di acquisire un livello di conoscenza iniziale nella teoria della comunicazione non verbale e un sistema di allenamento per la comprensione e l’uso degli elementi corporo-sonoro-musicali non verbali.
Impegnerà un fine settimana (consulta calendario).

Contenuti

  1. Teoria sulla Terapia non Verbale Benenzon. Lo psichismo.
  2. Il principio dell’ISO. ISO Universale, ISO Gestaltico, ISO Culturale, ISO Gruppale.
  3. Relazione e comunicazione in musicoterapia
  4. I mediatori. L’uso delle risorse non verbali
  5. Transfert e controtransfert
  6. Terapeuta e coterapeuta benenzoniani
  7. I fenomeni nello spazio vincolare o relazionale
  8. Le storie pre e non verbali
  9. Ri-creazione di strumenti non verbali
  10. I tempi biologico, di latenza, terapeutico
  11. L’ISO in interazione
  12. Comprendere le condotte etiche di un contesto non verbale
  13. Quadro terapeutico Benenzon

Breve lavoro conclusivo di riflessione personale (attraverso relazione scritta post-livello).


II livello

Permette di approfondire il linguaggio non verbale, iniziare a comprendere l’importanza della supervisione, osservare i fenomeni della regressione, i rituali e la ripetizione, confrontarsi con l’etica del Modello. Ascoltare, accogliere, aspettare, attendere. Impegnerà un fine settimana + un incontro di supervisione di gruppo aperto anche agli esterni (v. calendario).

Contenuti

  1. La lettura dei codici non verbali
  2. L’apprendimento dei 15 passi
  3. Compilazione dei protocolli delle sedute
  4. Apprendimento e scoperta della memoria non verbale e della memoria arcaica

Lavoro di riflessione personale (relazione scritta post livello).


III livello

Permette di approfondire il modello Benenzon attraverso l’attività teorico-pratica di una relazione individuale musicoterapeuta-paziente. E’ il cuore della terapia non verbale didattica. Impegnerà un fine settimana + un incontro di supervisione di gruppo aperto anche agli esterni (v. calendario).

Contenuti

  1. il riconoscimento del transfert e del controtransfert nel non verbale
  2. il processo terziario
  3. concetti di trans-culturalità, trans-temporalità, trans-spazialità
  4. la tenuta terapeutica

Lavoro di riflessione personale (relazione scritta post livello).


IV livello

Permette di approfondire il concetto di Iso, con un lavoro individuale e gruppale. Impegnerà un fine settimana + un incontro di supervisione di gruppo aperto anche agli esterni (v. calendario).

Contenuti

  1. Teoria degli ISO per mezzo della TNVB
  2. ISO Universale
  3. ISO Gestáltico
  4. ISO in Interazione
  5. ISO Culturale
  6. ISO Gruppale
  7. Teoría della comunicazione non verbale
  8. Protocolli delle sedute
  9. La memoria non verbale e la memoria arcaica

Lavoro di riflessione personale (relazione scritta post livello).


IV livello

Permette di approfondire il concetto di Iso, con un lavoro individuale e gruppale. Impegnerà un fine settimana + un incontro di supervisione di gruppo aperto anche agli esterni (v. calendario).

Contenuti

  1. Teoria degli ISO per mezzo della TNVB
  2. ISO Universale
  3. ISO Gestáltico
  4. ISO in Interazione
  5. ISO Culturale
  6. ISO Gruppale
  7. Teoría della comunicazione non verbale
  8. Protocolli delle sedute
  9. La memoria non verbale e la memoria arcaica

Lavoro di riflessione personale (relazione scritta post livello).


V livello

Permette di approfondire le modalità di applicazioni cliniche del modello attraverso l’analisi di alcune specifiche patologie. Impegnerà un fine settimana + un incontro di supervisione di gruppo aperto anche agli esterni (v. calendario).

Contenuti

  1. Il quadro terapeutico delle patologie da sviluppare
  2. La funzione del terapeuta non verbale in équipe multidisciplinare
  3. Protocolli delle sedute
  4. Etica e istituzione
  5. L’applicazione clinica del modello
  6. Scoprire i No-out e i Co-out

Lavoro di riflessione personale (relazione scritta post livello).


VI livello

Permette di conoscere “iogioco dello specchio e la sua oscurità” e la creazione di nuovi concetti che integrano i precedenti attraverso l’esperienza clinica nella terapia non verbale.

Questo livello conclusivo è abitualmente condotto direttamente dal Prof. Rolando Benenzon.

Impegnerà un fine settimana + un incontro di supervisione di gruppo aperto anche agli esterni (v. calendario).

Contenuti

  1. Il quadro terapeutico delle patologie da sviluppare
  2. La funzione del terapeuta non verbale in équipe multidisciplinare
  3. Protocolli delle sedute
  4. Etica e istituzione
  5. L’applicazione clinica del modello
  6. Scoprire i No-out e i Co-out

Lavoro di riflessione personale (relazione scritta post livello).


SUPERVISIONE

La supervisione, elemento fondamentale nella pratica terapeutica, viene normalmente esperita durante i livelli nelle modalità descritte sopra. Qualora l’allievo in formazione non avesse raggiunto le 32 ore necessarie previste per il conseguimento del titolo, potrà completare le ore mancanti con un magister della nostra equipe.

La supervisione permette al professionista di salvaguardare la sua integrità accettando diversi punti di vista del percorso che si sviluppa e inoltre di stimolare la sua creativi, essere consapevoli dell’evoluzione del processo musicoterapico, proteggersi, riflettere sugli aspetti dell’etica professionale, osservare le proprie dinamiche interne.


TERAPIA NON VERBALE BENENZON INDIVIDUALE

Le nuove direttive per il conseguimento del Titolo di formazione di Tecnico non Verbale benenzoniano prevedono che ogni allievo completi la propria formazione didattica con 18 sedute di terapia non verbale benenzoniana individuale.

Sedute cliniche di Terapia Non Verbale Benenzon individuale.

Questo per vivere in prima persona il processo di accompagnamento e ascolto dell’altro, in modo individuale in un contesto non verbale.

Per svolgere quest’ulteriore momento formativo, l’allievo contatterà direttamente l’equipe di formazione concordando tempi e modalità.


MAGISTER

L'Equipe di Formazione Benenzon di Milano, Arpamagica, è formata da quattro Magister che da 6 anni conducono i Livelli Benenzon.
L'Equipe collabora da anni nella ricerca, formazione e analisi non-verbale personale con il Prof. Rolando Benenzon.

Silvia Castagnola: laureata in sociologia presso l’Università degli studi di Milano, dopo studi musicali presso il conservatorio di Alessandria, si dedica alla ricerca in musicoterapia. Coordina dal 1999 i contenuti didattici del corso triennale di musicoterapia dell’associazione Arpa Magica.
Magister del modello Benenzon si occupa della formazione in ambito musicoterapico.

Emanuela Ritrovato: Musicoterapeuta di formazione analitica e filosofica, diplomata in psicologia analitica, magister del modello Benenzon, formatrice e supervisore nell'ambito musicoterapico e analitico.

Roberta Avanzini: Musicoterapeuta e Pedagogista musicale, diplomata presso il Conservatorio di Parma “A.Boito” e specializzata in Musicoterapia a Milano, Genova e Magister del Modello Benenzon.
È musicoterapeuta in ambito clinico e riabilitativo presso Centri di Psicoterapie Integrate, Centri per disabili e scuole di Parma e provincia.

Stefano Taglietti: musicoterapeuta, magister del modello Benenzon, consulente autobiografico, lavora in ambito clinico come libero professionista a contratto presso le Aziende Sanitarie Territoriali di Bergamo e Bergamo ovest nei Dipartimenti di Salute Mentale e Ipovisione, presso CRA convenzionate e nel proprio studio professionale. Ha fondato ed è direttore artistico dei gruppi musicali e teatrali "Coristi per Caso", "Piccola Orchestra Banda Banditi" e "Il teatro delle Persone" composti in prevalenza da persone con disagio psichico.
Conduce laboratori di musicoterapia, pedagogia musicale e di formazione insegnanti ed educatori per diversi Istituti Comprensivi della provincia e per il Centro Territoriale per l’inclusione.